PC128S con una EPROM da 128k ?

Il PC128S ereditava dai suoi predecessori BBC MASTER e 128 l’uso consueto di ROM uguali o inferiori a 64k quando usciva di fabbrica. La vista sin da bambino di tutte quelle porte logiche vuote, mi lasciava incredulo e già dal 1986 mi chiedevo come fosse possibile “riempirle” e cosa fosse necessario. Ovviamente in filiale Olivetti non sapevano nemmeno di cosa stessi parlando. Quindi doccia fredda e idea accantonata sul nascere, dato che era già difficile trovare i floppy, figuriamoci le ROM fisiche che nemmeno erano nei listini, per tutti erano una chimera. Conversando con l’amico Ing. Concari però come al solito l’idea sopita si è riaccesa, grazie alla sua collaborazione e rispolverando vecchie nozioni di elettronica anni 80 mi è stato possibile costruirmi un adattatore che permettesse di montare un IC da 32 pin sullo zoccolo dove prima stava alloggiato un IC da 28 pin con il sistema operativo ROM ACORN “corretto” dalla Olivetti. Lo schema dell’adattarore l’ho trovato su un sito che è diventato una risorsa indispensabile : mdfs.net Dato che era tutto incognito ma in teoria fattibile e sempre teoricamente doveva funzionare, ho cercato invano su un altro sito di riferimento, senza però trovare nulla in merito per il MASTER COMPACT o PC128S : stardot.org.uk A quanto ne sappiamo, questo piccolo esperimento che poi ha avuto pieno successo è l’unico documentato, io avevo qualche dubbio e sinceramente la paura di danneggiare qualcosa di imprevisto era sempre dietro l’angolo. Non trovando IC intel D27C010 sono riuscito comunque a programmare il D27010 che non era in banca dati nel programmatore, aggirando un piccolo ostacolo sui settaggi CAT (CATALYST CSI) di Vpp di programmazione. Terminato il lavoro con il PCB di prova e sistemati i ponticelli come nello schema, restava solo il lavoro di “impacchettare” le singole rom da 16k comprendenti il sistema operativo OLIVETTI Prodest assieme ad altre 4 scelte a caso per fare un test. Quindi ho deciso di mettere assieme ADI – ACP – DFS e AMX per un totale di 16k*4=64k + le precedenti 64k di UTILS – BASIC48 – ADFS210 – OS51. Per spiegare brevemente queste sigle, ADI è una rom che si occupa di gestione avanzata dei floppy. ACP è un pannello di controllo avanzato, DFS è il sistema alternativo precedente a ADFS e AMX è per la gestione del MOUSE in modalità alternativa a quella di fabbrica. Più avanti magari oltre qualche immagine e screenshot che ho fatto su instagram e youtube posso descrivere meglio cosa fanno in dettaglio. Per ora chi volesse può provarle con l’emulatore B-em scaricandole da diversi siti che si occupano di BBC MASTER, MICRO e COMPACT ad esempio qui.

Il comando per “impacchettare” da DOS le rom :

copy /b OS51+ADFS210+BASIC48+A+B+C+D+UTILS nome

questo crea un file “nome” che contiene tutti i dati esadecimali pronti per il programmatore ed essere riversati sul IC fisico. Il risultato è quello mostrato nella prima immagine a destra, tutte le porte logiche (in decimale) 9-10-11-12-13-14-15 sono occupate ed il sistema operativo funziona correttamente, ringrazio l’ing. CONCARI C. che anche in questo caso è stato fondamentale grazie ai suggerimenti DOS. In conclusione è possibile montare in un solo IC l’equivalente di 4 singoli IC da 16k da 28 pin che sulla motherboard del 128S non troverebbero nemmeno spazio dato che era previsto implementare con una quantità limitata di EPROM. Invece sono stato incoraggiato dal fatto che nel manuale tecnico di manutenzione del BBC MASTER COMPACT venisse specificato che il JUMPER PL12 spostato a SUD abilitasse lo zoccolo per un IC 128k. Ho creato un secondo definitivo CHIP molto più sottile che permette la chiusura della tastiera, se questo articolo ti ha incuriosito o se vuoi provare anche tu un IC da 128k scegliendo le ROM che più ti piacciono o che vuoi utilizzare, contattami e sarò lieto di aiutarti.